Produzione

La vendemmia in Toscana e in modo particolare nelle nostre zone avviene solitamente a partire da metà Agosto con le uve destinate a Base Spumante per le quali usiamo Chardonnay e Pinot Nero. 

Si prosegue con il Merlot e il Pinot Nero, stavolta destinato alla produzione di vino rosso dai primi giorni fino alla metà di settembre e la vendemmia in genere termina a fine Settembre, primi giorni di Ottobre, con il Sangiovese e i Cabernet Sauvignon e Franc.

Le uve vengono raccolte prevalentemente a mano in cassette da 15 kg di prima mattina prima in modo da evitare le ore più calde della giornata. Vengono poi immediatamente trasportate in cantina per la lavorazione.

Basi Spumante per Metodo Classico

Le uve destinate alle Basi Spumante per i nostri Metodo Classico vengono sempre raccolte a mano, andando a selezionare subito in campo i grappoli con perfetto stato sanitario. Trasportate in cantina vanno direttamente intere nella pressa dove viene estratta e destinata a mosto fiore soltanto la frazione iniziale della pressatura.

Tutto il processo di lavorazione avviene sotto azoto in modo da evitare qualsiasi tipo di ossidazione al mosto estratto fino all’inizio della fermentazione, che avviene dopo chiarifica statica a freddo.
Un'aliquota dei mosti destinati a Basi Spumante può essere fermentato in barrique di rovere Francese.

Terminata la fermentazione alcolica, ed effettuata una leggera chiarifica, i vini vengono preparati per il “ Tiraggio”. Il vino addizionato di lieviti e zucchero viene imbottigliato e chiuso con il classico tappo corona più la bidule e inizia così la lunga “Presa di Spuma” o seconda fermentazione. In questo periodo i lieviti trasformano gli zuccheri in alcool e CO2 che non potendo fuoriuscire dalla bottiglia si discioglie nel vino. L’andamento di questo processo viene controllato con la temperatura e lo si rende più lungo possibile in modo da avere al termine vini con perlage molto fine e persistente.

Terminata la presa di spuma inizia un lungo periodo di affinamento di almeno 36 mesi e periodicamente si procede al rimescolamento in modo da porre in sospensione le fini fecce prodotte dai lieviti durante la rifermentazione.

Ultimato il periodo di affinamento le bottiglie dei nostri Spumanti vengono poste sulle Pupitre e da questo momento ogni giorno vengono ruotate con un movimento secco. Tale operazione ha lo scopo di staccare la feccia dalla parete interna della bottiglia e farla scendere in basso verso il collo della stessa.

Si procede quindi al dégorgement o sboccatura delle bottiglie che permette l’eliminazione del deposito e al rabbocco con il “Liquer d‘expédition” che dona ad ogni bottiglia di spumante il suo carattere speciale.
Dopo la sboccatura, lo spumante rimane in affinamento per almeno altri 6 mesi prima di essere messo in commercio

Lo spumante viene messo in commercio 4 anni dopo la vendemmia.

Pinot Nero

Le uve di Pinot Nero destinate alla produzione del BoscoBruno vengono sempre raccolte a mano in cassette dopo una attenta selezione in vigna. Le uve arrivano in cantina dove, dopo una soffice diraspatura vengono inviate al selezionatore ottico che effettua un’ulteriore severa cernita, volta a destinare alla vinificazione solamente gli acini con maturazione ottimale e soprattutto sani.

Il mosto insieme alle bucce finisce nei tini di acciaio per una macerazione a freddo che dura circa 4-5 giorni. Poi viene rialzata la temperatura e avviata la fermentazione alcolica. Dopo 7-8 giorni avviene la svinatura e viene fatta ultimare la fermentazione alcolica in barrique di rovere francese. Sempre in barrique viene svolta la fermentazione malolattica.

Il Pinot Nero rimane approssimativamente 12 mesi nelle barriques, tenendo separati i vini provenienti da vigneti differenti.
Al momento opportuno, creiamo il blend tra i vini ottenuti dai diversi vigneti al fine di ottenere il prodotto finale che abbiamo in mente.

Una volta imbottigliato, il vino rimane almeno un anno in cantina per affinare prima di essere distribuito.

Altri vini rossi

Le uve destinate alla produzione dei vini rossi prodotti da Vallepicciola (Sangiovese, Merlot, Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc) oltre ad un'attenta selezione in campo, prima di entrare in cantina, vengono inviate alla diraspatrice e, successivamente, al selezionatore ottico che effettua un’ulteriore scelta qualitativa e sanitaria.

Il mosto ottenuto con la pigiatura viene inviato nei fermentatori dove comincerà la fase della fermentazione. Il mosto rimane a contatto con le bucce, in modo da permettere la dissoluzione dei polifenoli e degli aromi contenuti nella buccia e nei vinaccioli.

La fermentazione alcolica è svolta ad una temperatura di 26°C.

Per alcuni vini, dopo che il liquido viene separato dalle bucce e i vinaccioli, la fermentazione alcolica prosegue in barriques francesi da 225 lt, in tonneaux da 500 lt o in botti grandi di rovere, dove il vino resta a completare anche la fermentazione malolattica. L'affinamento in legno ha la durata di 12-18 mesi secondo il tipo di vino e le sue caratteristiche.

Al momento opportuno, dopo ripetuti controllo e degustazioni, andiamo a creare il blend tra i vini ottenuti dai diversi vigneti al fine di ottenere il prodotto finale che abbiamo in mente.

Una volta imbottigliato, il vino continua il suo affinamento in bottiglia per almeno 1 anno prima di essere distribuito.

Le Persone

Bruno Bolfo
Proprietario



E’ il proprietario di Vallepicciola. Da Chiavari, l’attività di imprenditore l’ha portato in giro per il mondo, ma produrre il vino in Toscana è sempre stata la sua passione. Adora il Sangiovese ed il Pinot Nero, ma non disdegna i grandi vini francesi...


Giuseppina Bolfo
Presidente



Presidente di Vallepicciola e dell’Hotel Le Fontanelle. Precisa e curiosa, coordina le varie attività delle due aziende con una stimolante energia (anche troppa...). E’ sempre in giro a cercare nuovi pezzi d’arredamento per l’hotel...


Alberto Colombo
Amministratore Delegato


alberto.colombo@vallepicciola.com

Laureato in Economia, dopo 30 anni “sprecati“ con un altro lavoro, finalmente a quasi 50 anni ha trasformato la passione, che scriveva nel curriculum vitae, in una professione.

Piemontese, grande frequentatore di cantine e trattorie, apre le migliori bottiglie con le persone che ama.
Beve acqua con moderazione.

Riccardo Cotarella
Enologo



Riccardo Cotarella è uno dei più conosciuti e stimati enologi. Grazie alla sua pluriennale esperienza, alla grandissima professionalità, alla conoscenza dei territori e alla sua capacità di interpretarli crea vini di grande pregio ed eleganza.

Ci ha garantito che i nostri vini diventeranno i migliori al mondo...


Erasmo Mazzone
Responsabile Cantina


erasmo.mazzone@vallepicciola.com

Sannita DOC, laureato in Enologia, è il responsabile della cantina. Entusiasta, curioso, lettore indefesso, cerca ad ogni occasione di trasmettere competenze e passione con simpatia e rigore. Grande appassionato della Falanghina, si sta innamorando del Sangiovese...
Paolo Romaggioli
Responsabile Tecnico


paolo.romaggioli@vallepicciola.com

Laureato in Enologia, partendo da Velletri ha fatto diverse esperienze in importanti aziende vinicole italiane prima di approdare a Vallepicciola come responsabile tecnico (vigneti e cantina).

E’ un grande comunicatore (nel senso che parla molto) ed ama il suo lavoro quasi come i suoi figli.

Ha promesso di mettersi a dieta...


Vanda Mugnaini
Responsabile Amministrazione e Controllo


vanda.mugnaini@vallepicciola.com

E’ la guardiana dei conti. Prima di qualsiasi spesa, bisogna vedersela con lei. E’ incorruttibile, ma potete provare con un vassoio di dolci. E’ nel mondo del vino da sempre...


Giacomo Mannari
Responsabile Vendita Diretta e Ospitalità


giacomo.mannari@vallepicciola.com

Senese, laureato in Scienze Politiche, a cui ha sempre (comprensibilmente) preferito il mondo del vino, è il responsabile della vendita al pubblico, e il "padrone di casa" per tutti i visitatori di Vallepicciola.

Si sta assumendo la responsabilità di insegnare il dialetto toscano ai colleghi non autoctoni...


Stefano Toccafondi
Responsabile Vendite


stefano.toccafondi@vallepicciola.com


Nicola Vercelotti
Direttore Acquisti


nicola.vercellotti@vallepicciola.com

Architetto pentito, rappresenta la terza generazione della famiglia Bolfo ad occuparsi di ospitalità alberghiera e produzione di vino. E' il responsabile degli acquisti per tutte le aziende. Grande giocatore di basket, adora la cucina toscana.


Alessandro Bernardoni
Cantiniere



Uomo di poche parole, ma di grande impegno, é la memoria storica della nostra azienda. Conosce la cantina come le sue tasche e tratta le bottiglie come figlie.
E’ stato visto commuoversi quando è stata spedita l’ultima bottiglia del 2011...


Operai




Dove passano loro non cresce più l'erba, ma solo uva buona. Grandi amici tra loro, organizzano cene pantagrueliche in cui buon cibo, buon vino e buona compagnia vanno a braccetto. Sono la colonna portante della nostra azienda.